Chiavenna

Ufficio Informazioni Chiavenna

23022 - Chiavenna (SO) Piazza Caduti della libertà
T 0343 37485
F 0343 37361

Orario apertura dal 09.09.19 al 08.06.20
Feriali: 09:00 - 12:40 e 14:00 - 18:50
Festivi: 10:00 - 12:00 e 14:30 - 18:00






consorzioturistico@valchiavenna.com
www.valchiavenna.com

Informazioni e richieste per gruppi, convegni, eventi Chiavenna

23022 - Chiavenna (SO) Piazza Caduti per la libertà
T 0343 37485
F 0343 37361

Orari di apertura
Dal lunedì al sabato: 09:00 -12:40 e 14:00 - 18:50. 
Domenica e festivi 10:00 - 12:00 e 14:30 - 18:00.

consorzioturistico@valchiavenna.com
www.valchiavenna.com

Madesimo

Ufficio Informazioni Madesimo

23022 - Madesimo (SO) Via alle Scuole
T 0343 53015

Dal Lunedì a sabato: 09.00 - 12.30  e 14.30 - 18.00
Domenica 09.00- 12.30
Martedì chiuso  


 

 

 



info@madesimo.eu
www.madesimo.eu

Campodolcino

Ufficio Informazioni Campodolcino

23022 - Campodolcino (SO) Via D.R. Ballerini,
T 0343 50611

Lunedì, martedì e domenica 9.00-12.30 
Chiuso il mercoledì e giovedì
Venerdì dalle 15.00 - 18.00
Sabato dalle  9.00 - 12.30 e dalle 15.00 - 18.00
 

 


campodolcino@valtellina.it
www.campodolcino.eu

Home    Informazioni   Valchiavenna Vacanze



La storia come non l´avete mai letta

Diecimila anni fa, la Valchiavenna - come gran parte delle Alpi - appariva in modo totalmente diverso rispetto a come la conosciamo noi adesso.
La temperatura di tutto il pianeta si stava lentamente alzando e di conseguenza, le migliaia di metri di ghiaccio che ricoprivano gran parte dell’Europa, iniziavano a fondersi, dando vita a corsi d’acqua dalla forza straordinaria.
Era la fine dell’ultimo periodo glaciale, cominciato nel Pleistocene 110.000 anni fa.
Questo incredibile fenomeno ha prodotto tracce ancora leggibili nella morfologia del territorio locale, soprattutto per lo scorrere tumultuoso dei grandi fiumi generati dallo scioglimento dei ghiacciai.
Giusto per dare l’idea, studi effettuati dall’Artic University in Norvegia (Deglaciation of the Eurasian ice sheet complex) affermano che l’acqua che passava sotto i ghiacciai e arrivava al mare poteva essere il doppio di quella che oggi scorre nel Rio delle Amazzoni.
Ciò produsse fenomeni straordinari, tutti ancora evidenti nel Parco delle Marmitte dei Giganti, situato in un’area specifica compresa tra i comuni di Piuro e Chiavenna. Ecco perché passeggiare nel parco significa compiere un viaggio nel passato di almeno 10 mila anni.
Le rocce levigate dallo scorrere dell’acqua e del ghiaccio, le profonde forre scavate dai detriti trasportati dalle tumultuose correnti d’acqua sono ben evidenti ovunque. Con un po’ di fantasia si possono immaginare i passaggi dei corsi d’acqua, le masse di ghiaccio che hanno generato i “graffi” sulle pareti a picco lungo il percorso.
Ma c’è di più. Sulle rocce levigate, sulle pareti verticali delle antiche cave, su massi isolati e in grotticelle si possono trovare testimonianze della presenza umana attraverso incisioni rupestri. Grafie figurative e date si accompagnano a geometrie astratte, segni, sigle e simbologie spesso ancora da decodificare.
La visita al Parco delle Marmitte è un’esperienza suggestiva, per grandi e piccini.
Un museo naturale all’aperto accessibile da Chiavenna o Piuro, seguendo percorsi ben segnalati ed evidenti.


Articoli correlati

 

Contatti utili

Comunità Montana della Valchiavenna
Via C. Lena Perpenti 8/10 - 23022 Chiavenna (SO)
T: +39 0343/33795
Consorzio per la Promozione Turistica della Valchiavenna
Viale Matteotti, 4 - 23022 Chiavenna (SO)
T:+39 0343/37485 
F: +39 0343/37361
 




In primo piano: proposte, eventi e curiosità

Webcam live

Clicca per ingrandire