Chiavenna

Ufficio Informazioni Chiavenna

23022 - Chiavenna (SO) Piazza Caduti della libertà
T 0343 37485
F 0343 37361

Orario apertura dal 10.09.18 al 09.06.19
Feriali: 09:00 - 12:40 e 14:00 - 18:50
Festivi: 10:00 - 12:00 e 14:30 - 18:00

Chiuso: 25 dicembre, 01 gennaio, 21 aprile





consorzioturistico@valchiavenna.com
www.valchiavenna.com

Informazioni e richieste per gruppi, convegni, eventi Chiavenna

23022 - Chiavenna (SO) Piazza Caduti per la libertà
T 0343 37485
F 0343 37361

Orari di apertura
Dal lunedì al sabato: 09:00 -12:40 e 14:00 - 18:50. 
Domenica e festivi 10:00 - 12:00 e 14:30 - 18:00.

consorzioturistico@valchiavenna.com
www.valchiavenna.com

Madesimo

Ufficio Informazioni Madesimo

23022 - Madesimo (SO) Via alle Scuole
T 0343 53015

Da lunedì 10 settembre fino a domenica 25 novembre 2018
Feriali: 09.00-12.30 e 14.30-18.00
Festivi: 09.00-12.30


 

 

 



info@madesimo.eu
www.madesimo.eu

Campodolcino

Ufficio Informazioni Campodolcino

23022 - Campodolcino (SO) Via D.R. Ballerini,
T 0343 50611

Dal 01 ottobre
lunedì, martedì e domenica  9.00-12.30
mercoledì e giovedì    chiuso
venerdì 15.00-18.00
sabato 9.00-12.30 e 15.00-18.00  




campodolcino@valtellina.it
www.campodolcino.eu

Home    Cosa fare   Sport e attività



Basket Camp

La storia dell’ A.D. Basket Chiavenna

Si inizia per gioco, poi ci si appassiona e alla fine non si smette più di palleggiare. La storia del basket a Chiavenna è fatta di tanti atleti, naturalmente, ma anche di molti tecnici, dirigenti o semplici appassionati che hanno permesso di trasformare una passione in una vera e propria società. Oggi la società è presieduta da Manuel Cinque, che ricopre questo incarico con impegno ed entusiasmo. Le prime notizie del basket chiavennasco risalgono alla prima metà degli anni ’80. Con chissà quali scarpette, su campi ben diversi da quello in parquet del Palestrone ma con la stessa passione di oggi, un gruppo di amici cominciò con un torneo amatoriale a livello provinciale. Un’esperienza seguita da una “Prima divisione” giocata con due squadre e retta da tre colonne del basket nostrano come Giuseppe Rigamonti, “doc” Francesco Mazzoleni e Federico Scaramellini. Tra mille difficoltà logistiche ed accese rivalità con i cugini sondriesi, si proseguì spediti fino alla stagione 1987-88. Per due stagioni, il Chiavenna Basket saltò i campionati, lasciando i propri talenti ai tornei universitari. Il ritorno in campo risale al 1990-‘91. La stagione 1992-93, a detta degli “storici”, fu quella della svolta. Arrivarono giovani come Michele De Marzi, Jack Giuriani e i nuovi contributi consentirono il ritorno in “Prima divisione” dove la squadra vi rimase fino al 2000. Nel frattempo ci furono vari cambiamenti societari che garantirono comunque un continuo miglioramento tecnico, basata sulla crescita dei giovani di Chiavenna e l’arrivo di atleti validi da realtà vicine. Nel 1998 alcuni appassionati, supportati da alcuni giocatori, rifondarono il Basket Chiavenna denominandolo A.S. Basket Chiavenna. Tutto il movimento trovò nuove energie grazie alla scelta di puntare sui giovani con i corsi di minibasket, i campionati giovanili e al supporto di uno sponsor: Mitsubishi Motors che garantì un buon supporto economico (oltre alle quote di iscrizione) per lo svolgimento delle attività di quella che oggi è diventata A.D. Basket Chiavenna. E i risultati non tardarono ad arrivare. Intanto si passò al “Palestrone” di viale Maloggia, l’ottima struttura che ancora oggi ospita le gare e gli allenamenti del Chiavenna. Nell’anno della prima esperienza in Promozione, il 2000-’01, la squadra venne di nuovo rafforzata con l’inserimento di nuove pedine provenienti dalla Valtellina. Ad oggi le squadre che si alternano sul parquet sono quelle delle categorie: promozione, under17, under13, esordienti, aquilotti e scoiattoli, senza dimenticare la squadra femminile e il reparto micro basket (4 e 5 anni) che dalla prossima stagione riprenderà a pieno ritmo.

PER I TALENTI DELLA PALLA A SPICCHI
Nel numero di primavera avevamo raccontato come Chiavenna fosse riuscita nell’arco di poche estati, a ricucirsi uno spazio prestigioso tra gli dei dell’atletica mondiale. Questa esperienza sportiva non è isolata. Da qualche anno, infatti, anche le giovani promesse lombarde della palla a spicchi si danno appuntamento per trascorrere in città esperienze atletiche e formative. Sono i “camp” organizzati da Pallacanestro Varese che si rivolgono ai ragazzi dai 6 ai 14 anni e hanno una durata di una settimana. Quest’anno i primi arrivi sono previsti per il 21 giugno, mentre l’ultima sessione si concluderà il 18 luglio e coinvolgerà – solo in questo caso – i ragazzi dai 15 ai 20 anni per allenamenti di alta specializzazione. Le ragioni che hanno convinto la società varesina a scegliere Chiavenna quale meta per i “camp” sono ben riassunti nella scheda di presentazione. Chiavenna è collocata in una posizione strategica, vicina al Lago di Como e ad un passo da Madesimo e St. Moritz. Inoltre, la cittadina vanta un’ottima qualità di vita, attestata anche dalla bandiera Arancione del touring Club e dal fatto di essere Città Slow. Gli impianti sportivi e le strutture alberghiere della località, completano l’offerta, rendendola accessibile a tutti anche sotto il profilo economico. Oltre ai giovani talenti che partecipano al “camp”, i ritiri hanno il merito di coinvolgere anche le famiglie che approfittato volentieri dell’opportunità di fare visita ai propri figli, per fare tappa in città e godersi una piacevole gita, arricchita da una tappa a crotto.






In primo piano: proposte, eventi e curiosità

Webcam live

Clicca per ingrandire