Chiavenna

Ufficio Informazioni Chiavenna

23022 - Chiavenna (SO) Piazza Caduti della libertà
T 0343 37485
F 0343 37361

Orario apertura dal 15.07.18 al 09.09.18
Feriali: 07:30 - 12:30 e 14:00 - 18:50
Festivi: 10:00 - 12:00 e 14:30 - 18:00
Agosto festivi: 08.30-12.30 e 14.00-18.00





consorzioturistico@valchiavenna.com
www.valchiavenna.com

Informazioni e richieste per gruppi, convegni, eventi Chiavenna

23022 - Chiavenna (SO) Piazza Caduti per la libertà
T 0343 37485
F 0343 37361

Orari di apertura
Dal lunedì al sabato: 09:00 -12:40 e 14:00 - 18:50. 
Domenica e festivi 10:00 - 12:00 e 14:30 - 18:00.

consorzioturistico@valchiavenna.com
www.valchiavenna.com

Madesimo

Ufficio Informazioni Madesimo

23022 - Madesimo (SO) Via alle Scuole
T 0343 53015

ESTATE 2018
Tutti i giorni: 9.00–12.30 e 14.30–18.00
 

 

 



info@madesimo.eu
www.madesimo.eu

Campodolcino

Ufficio Informazioni Campodolcino

23022 - Campodolcino (SO) Via D.R. Ballerini,
T 0343 50611

ESTATE 2018
Lunedì: 09-12.30 e 15.00-18.30
Martedì: 09-12.30 e 15.00-18.30
Mercoledì: chiuso
Giovedì: 09-12.30 e 15.00-18.30
Venerdì: 09-12.30 e 15.00-18.30
Sabato: 09-12.30 e 15.00-18.30
Domenica: 09-12.30




campodolcino@valtellina.it
www.campodolcino.eu

Home    Cosa fare   Itinerari



Al rifugio Lavorerio

L’Alpe Lavorerio è situata nella Val Pilotera, lungo la sponda orografica sinistra della Val Bodengo. Qui anni fa, alcuni amici - Abele, Ennio, Giovanni e Antonio - hanno deciso di rimettere mano alla “casa comunale” situata a quota 1862 metri, per trasformarla in un rifugio. Con il sostegno del Comune di Gordona, dal 1992 al 1996, si sono svolti i lavori di ristrutturazione che hanno permesso di rendere fruibile questa struttura. Lo stabile è diviso in due parti: quella a sud è adibita alle attività agricole, mentre il lato nord è utilizzata come abitazione/rifugio con il proposito di promuovere e valorizzare l’alpe Lavorerio e tutta la vallata. Oggi questo stabile è messo a disposizone di enti e associazioni, interessate a trascorrere qui un soggiorno di vacanza, godendo appieno dei magnifici paesaggi.

Qualche informazione utile
Il rifugio non è gestito. Occorre quindi ritirare le chiavi ed acquistare il permesso di transito (6 euro un giorno, 9 euro due giorni) presso il bar San Martino (tel. 0343 42774) situato nell’omonima piazza oppure al bar DOC (tel. 0343 41332) via degli Emigranti 14 a Gordona.
In caso di pernottamento, appare ovvio ma doveroso ricordare un atteggiamento di massima civiltà, anche contribuendo liberamente ai costi di gestione
utilizzando l’apposita cassetta. Ben posizionato e protetto, è ottimamente attrezzato con dodici posti letto, una comoda e ben equipaggiata cucina (bombola) con tanto di tavolone (10/12 posti) e caminetto.
 
Come si raggiunge
Da Gordona gli escursionisti più allenati possono già iniziare a camminare verso l’alpe. In alternativa si può raggiungere in auto la località Donadivo ( 737 m). Da qui a piedi in tre ore si giunge a destinazione. Una terza opportunità è data dall’alpe Orlo (1165 m) raggiungibile
in auto, guadagnando circa un’ora di cammino, a discapito però di perdere il piacere di percorrere il gioiello di mulattiera, lungo il “Sentiero del Benefattore”, che attraversa un bel bosco di faggi e conduce all’alpe.
 
Variante da non perdere
Lungo il percorso troverete l’indicazione per il “ponte segreto“ e Pra l’Oste. Consiglio questa breve variante che permette di ammirare un ardito ponte sospeso sulla forra che divide i versanti della valle, consentendo di raggiungere la vicina val Bodengo. Il percorso regala magnifici scorci e vedute sulle “marmitte dei giganti” create dal vorticoso torrente Boggia. A circa 1300 m si giunge ad un bel ponte ad arco (Pont de Pesciadel) che traversa proprio una di queste magnifiche pozze di acqua smeraldina. Oltre il guado siamo alle baite dell’alpe Valle di Fuori (1330 m, ore 0:50) e in breve all’alpe Valle di Dentro (1486 m, ore 1:10).
 
Ultime salite
Da questo punto il sentiero, sempre ben visibile, aiutato da alcuni “ometti” e segnavia rossi e bianchi, si impenna per aggirare sulla destra (sinistra orografica) uno sperone roccioso. Tra prati, pietre, rododendri e nel bosco di larici guadagnamo la sommità. Per grandi pascoli
seguendo i segnavia arriviamo ad un ponticello e poco oltre, superate alcune balze rocciose, alla casa/rifugio Lavorerio (1862 m).
 
La valle è intorno
Dal rifugio si gode di una rigenerante vista su tutta la valle. Ben visibili a est le radure di Cermine e Orlo e sullo sfondo il Pizzo di Prata, le vette del Masino, Codera ed Engadina. Il resto dell’alpe è circondato da imponenti balze dapprima prative, poi rocciose a nord-ovest. Magnifiche le placche di granito a sud. Dal rifugio sono possibili due altri itinerari a formare un anello, entrambi impegnativi con circa sei ore di percorrenza. Occorre considerare che oltre il rifugio, il sentiero è meno evidente e i segnavia sono molto più rari, necessita quindi essere dotati di cartina e adeguate capacità di orientamento.






In primo piano: proposte, eventi e curiosità

Webcam live

Clicca per ingrandire