Chiavenna

Ufficio Informazioni Chiavenna

23022 - Chiavenna (SO) Piazza Caduti della libertà
T 0343 37485
F 0343 37361

Orario apertura dal 10.09.18 al 09.06.19
Feriali: 09:00 - 12:40 e 14:00 - 18:50
Festivi: 10:00 - 12:00 e 14:30 - 18:00

Chiuso: 25 dicembre, 01 gennaio, 21 aprile





consorzioturistico@valchiavenna.com
www.valchiavenna.com

Informazioni e richieste per gruppi, convegni, eventi Chiavenna

23022 - Chiavenna (SO) Piazza Caduti per la libertà
T 0343 37485
F 0343 37361

Orari di apertura
Dal lunedì al sabato: 09:00 -12:40 e 14:00 - 18:50. 
Domenica e festivi 10:00 - 12:00 e 14:30 - 18:00.

consorzioturistico@valchiavenna.com
www.valchiavenna.com

Madesimo

Ufficio Informazioni Madesimo

23022 - Madesimo (SO) Via alle Scuole
T 0343 53015

Da lunedì 10 settembre fino a domenica 25 novembre 2018
Feriali: 09.00-12.30 e 14.30-18.00
Festivi: 09.00-12.30


 

 

 



info@madesimo.eu
www.madesimo.eu

Campodolcino

Ufficio Informazioni Campodolcino

23022 - Campodolcino (SO) Via D.R. Ballerini,
T 0343 50611

Dal 01 ottobre
lunedì, martedì e domenica  9.00-12.30
mercoledì e giovedì    chiuso
venerdì 15.00-18.00
sabato 9.00-12.30 e 15.00-18.00  




campodolcino@valtellina.it
www.campodolcino.eu

Home    Cosa fare   Da non perdere



Un libro di antichi sapori

RICETTE DI UNA VOLTA

In epoca moderna la riscoperta dei valori della tradizione porta con sé tanti ricordi e un po´ di nostalgia. Sentimenti che la signora Marina Canclini, nativa di San Pietro Samolaco ma residente a Campodolcino, ha voluto raccogliere in un libro intitolato “Ricordi e sapori di una volta. Riscoprendo ricette semplici della Valle Spluga e...”.
Il libro, uscito nel dicembre 2013, è una raccolta di ricette di piatti della tradizione locale raccontati da chi quei piatti li preparava con le proprie mani. In quasi due anni Marina ha svolto un accurato lavoro di ricerca, intervistando le signore anziane della Valle Spluga, da Madesimo a San Giacomo Filippo, spostandosi dalla Valchiavenna fino alle province di Varese e Milano.

Nel presentare il suo lavoro Marina racconta: “Ho scritto questo libro di ricette perché in questi ultimi anni, parlando con tante nonnine che mi raccontavano come cucinavano ai loro tempi, ho pensato che se non avessero lasciato qualcosa di scritto il loro sapere sarebbe andato perso”.
Marina ha iniziato così il suo viaggio in cerca di ricette, rapita dalle emozioni che i racconti le suscitano: “Mi hanno stupito le donne più anziane: durante il racconto, ricordando i tempi duri di una volta, nei loro occhi e nelle loro espressioni vedevo comunque tanta serenità come a voler dire avevamo poche cose, ma eravamo felici!”.

Sono tanti i piatti tipici della tradizione locale raccolti nel libro: pizzoccheri, polenta, “melonz”, frittelle, zuppe. Un patrimonio di sapori e saperi, che  diventa protagonista delle ricette delle anziane signore che, pur avendo lo stesso titolo, variano per ingredienti, dosi e procedimento.
Sfogliando il libro si scoprono pietanze preparate con ingredienti semplici, utilizzati anche ai giorni nostri: la zuppa d´orzo, la minestra di ortiche e patate, i bolliti e i dolci come la “miascia” e le frittelle, preparate ai bambini per merenda o in alcune occasioni speciali.
A Motta di Campodolcino, ad esempio, dopo che venivano falciati i prati, si riunivano tutti a mangiare le frittelle con lo zucchero.  A Starleggia invece venivano cotte sul fuoco del camino per riscaldare i lunghi pomeriggi invernali.

Anche nella preparazione della polenta, piatto principe del menu locale, ogni cuoca metteva un po´ del proprio gusto personale: riscaldata dal giorno prima, “concia”, dolce con zucchero e burro, fritta con patate e formaggio, consumata come pasto o al mattino appena svegli.

Leggendo le testimonianze raccolte nel libro si capisce come in passato, nonostante le risorse non fossero molte, cucinavano ugualmente cibi molto gustosi con i prodotti offerti dagli orti e dalle stalle.
Leggere le ricette, preparare ed assaggiare questi piatti è un´immersione nel passato, nei gusti e nei sapori di una volta, che non hanno mai abbandonato i ricordi delle anziane signore che hanno tenuto compagnia a Marina durante la lavorazione del libro.  

Il libro è in vendita presso l´Ufficio Turistico di Campodolcino, il Muvis, il negozio di alimentari di Prestone e Fraciscio, e presso tutte le edicole della Valchiavenna.


Foto di Enrico Minotti.



Contatti utili

Per informazioni:
Ufficio Turistico Campodolcino
T: +39 0343 50611
campodolcino@valtellina.it
www.campodolcino.eu 


 




In primo piano: proposte, eventi e curiosità

Webcam live