Chiavenna

Ufficio Informazioni Chiavenna

23022 - Chiavenna (SO) Piazza Caduti della libertà
T 0343 37485
F 0343 37361

Orario apertura dal 09.09.19 al 08.06.20
Feriali: 09:00 - 12:40 e 14:00 - 18:50
Festivi: 10:00 - 12:00 e 14:30 - 18:00






consorzioturistico@valchiavenna.com
www.valchiavenna.com

Informazioni e richieste per gruppi, convegni, eventi Chiavenna

23022 - Chiavenna (SO) Piazza Caduti per la libertà
T 0343 37485
F 0343 37361

Orari di apertura
Dal lunedì al sabato: 09:00 -12:40 e 14:00 - 18:50. 
Domenica e festivi 10:00 - 12:00 e 14:30 - 18:00.

consorzioturistico@valchiavenna.com
www.valchiavenna.com

Madesimo

Ufficio Informazioni Madesimo

23022 - Madesimo (SO) Via alle Scuole
T 0343 53015

Dal Lunedì a sabato: 09.00 - 12.30  e 14.30 - 18.00
Domenica 09.00- 12.30
Martedì chiuso  


 

 

 



info@madesimo.eu
www.madesimo.eu

Campodolcino

Ufficio Informazioni Campodolcino

23022 - Campodolcino (SO) Via D.R. Ballerini,
T 0343 50611

Lunedì, martedì e domenica 9.00-12.30 
Chiuso il mercoledì e giovedì
Venerdì dalle 15.00 - 18.00
Sabato dalle  9.00 - 12.30 e dalle 15.00 - 18.00
 

 


campodolcino@valtellina.it
www.campodolcino.eu

Home    Cosa fare   Da non perdere



Olimpiadi dei sordi in Valchiavenna

Winter deaflympics 2019
Valtellina e Valchiavenna ospitano le Olimpiadi invernali dei non udenti. 
Dal 12 al 21 dicembre attese oltre mille persone tra atleti e dirigenti.
Le Olimpiadi Invernali dei sordi rappresentano un’occasione di sport e inclusione sociale per tutto il territorio lombardo. Sarà un evento da ricordare quello che andrà in scena dal 12 al 21 dicembre 2019 tra Valtellina e Valchiavenna.
 
La rassegna sportiva mancava dall’Italia manca dal lontano 1983. In quell’occasione le Olimpiadi si tennero a Madonna di Campiglio. L’edizione 2019 unirà gli impianti e le strutture ricettive di Sondrio, Chiavenna, Madesimo e Santa Caterina Valfurva. Sei le discipline sportive invernali selezionate: sci alpino, sci di fondo, snowboard, hockey su ghiaccio, curling e scacchi, appena entrati, questi ultimi, nel programma invernale. L’Italia sarà presente in tutte le discipline, escluso l’hockey su ghiaccio. Sono attese, tra atleti e dirigenti, più di mille persone, con un indotto di oltre tremila.
 
Ad organizzare l’evento è la Federazione Sport Sordi Italia, affiliata al Comitato Italiano Paralimpico. In questo impegno verrà coadiuvata dal prezioso sostegno di Cancro Primo Aiuto e dal suo “braccio sportivo” che si occuperà dell’organizzazione della parte sciistica a Santa Caterina Valfurva. Con loro, la preziosa capacità organizzativa dell’Accademia Allenatori che sarà invece responsabile generale della kermesse. Il tutto con il patrocinio
di Regione Lombardia, sfileranno l’International Committee of Sports for the Deaf, la Federazione Italiana Sport Invernali, la Federazione Italiana Sport del Ghiaccio e la Federazione Scacchistica Italiana.
 
Mascotte
Un evento “con” i sordi e non “per” i sordi, concetto che ben si incarna nello slogan che dominerà su tutte le piste e nelle strutture delle gare: “We need a chance”. Spesso, infatti, quella uditiva è una disabilità invisibile, di tipo comunicativo, che porta purtroppo le persone sorde a rimanere ai margini della società quando, invece, avrebbero capacità per rimanerne al centro. Questo evento ha come obiettivo proprio quello di far conoscere la realtà dei sordi e creare nuove opportunità da cogliere. La mascotte, l’orso “Vally”, con la sua simpatia unirà la Valchiavenna e la Valtellina.
 
Storia
L’evento, giunto alla sua 19ª edizione, vide la luce per la prima volta nel 1949, ben prima delle Paralimpiadi, i Giochi internazionali paralleli a quelli olimpici, dedicati agli atleti con disabilità fisica, intellettivo relazionale e sensoriale visiva. Quella dei sordi, invece, di Olimpiade, è una kermesse a parte gestita dall’ICSD (International Committee of Sports for the Deaf) realtà internazionale fondata nel 1924, grazie all’unione di 9 Paesi affiliati e arrivata oggi a 109 nazioni che partecipano ai diversi eventi mondiali.

A candidarsi per l’organizzazione di quest’ultima edizione è stata, negli ultimi mesi del 2018, la FSSI (Federazione Sport Sordi Italia) guidata dal Presidente Guido Zanecchia, affiliata al CIP (Comitato Italiano Paralimpico): una realtà organizzata in maniera del tutto verticale sulla disabilità uditiva. Se ogni federazione paralimpica si occupa, infatti, di una disciplina sportiva specifica adattata alla pratica delle persone con disabilità, la FSSI si fa carico di organizzare tornei e campionati di 28 sport che hanno come protagonisti atleti sordi i quali, durante questi momenti agonistici, hanno l’obbligo di non portare impianti cocleari o apparecchi acustici. Questo nell’ottica di una uguaglianza sostanziale della disabilità presente sul campo di gara: 55 decibel è il deficit uditivo nell´orecchio migliore, oltre il quale, nello sport, si può parlare di sordità.

Visita il sito dedicato: www.2019deaflympics.com
 


Contatti utili

Per informazioni:
Consorzio Turistico Madesimo
T: 0343 53015
 
Consorzio Turistico Valchiavenna
T:+ 39 0343 37485
 




In primo piano: proposte, eventi e curiosità

Webcam live

Clicca per ingrandire