Chiavenna

Ufficio Informazioni Chiavenna

23022 - Chiavenna (SO) Piazza Caduti della libertà, 3
T 0343 37485
F 0343 37361

Da lunedì a venerdì: 09:30-12:40 e 14:30-17:30
Sabato: 09:00-12:40 e 14:30-17:30 
Domenica e festivi: 10:00-12:00 e 14:30-18:00

 






consorzioturistico@valchiavenna.com
www.valchiavenna.com

Madesimo

Ufficio Informazioni Madesimo

23022 - Madesimo (SO) Via alle Scuole
T 0343 53015

Da lunedì a sabato 9.00-12.30 e 14.30-18.00.
Domenica e festivi 9.00-12.30 
Marcoledì chiuso. Disponibilità telefonica

 


 


 

 

 



info@madesimo.eu
www.madesimo.eu

Campodolcino

Ufficio Informazioni Campodolcino

23022 - Campodolcino (SO) Via D.R. Ballerini, 2
T 0343 50611

Da lunedì a sabato: 9:00 - 12:30 e 15.00 - 18.30
Domenica: 9:00-12:30
Martedì: chiuso
 


campodolcino@valtellina.it
www.campodolcino.eu

Home    Cosa fare   Cultura



Novità di stagione

La Val Bregaglia in estate presenta un’offerta culturale da scoprire individualmente.
Le ricchezze culturali in valle sono tante e sono sparse lungo tutto il territorio, da Maloja a Castasegna e oltre confine. Scoprirle permetterà nel contempo di conoscere le bellezze di una regione ricca di storia, tradizioni e contrasti. Le novità per l’estate 2021 sono certamente il nuovo spazio espositivo – il Casello Rosso – a Castasegna e l’opera – Occhi che non dormono – installata dal Centro Giacometti nel giardino in prossimità dell’omonimo edificio a Stampa. Novità che vanno ad arricchire ulteriormente il già vasto mondo culturale e artistico della Valle.
 
Museo Ciäsa Granda, Stampa
Quest’anno il museo Ciäsa Granda proporrà due esposizioni, una legata a un importante letterato bregagliotto e una più squisitamente artistica. I 700 anni della morte di Dante coincidono con il 120 della morte di un interprete della «Somma opera»: Giovanni Andrea Scartazzini originario di Bondo in Val Bregaglia. Il commento alla Divina Commedia dello Scartazzini è stato a lungo punto di riferimento sia a livello scolastico sia a livello di ricerca per lo studio dell’opera integrale. Giovanni Andrea Scartazzini ha pubblicato anche studi su Giordano Bruno, Galileo Galilei e sulla Gerusalemme liberata di Torquato Tasso. Da perfetto bilingue le sue pubblicazioni sono a volte in italiano e altre in tedesco e spesso pubblicate per la casa editrice Hoepli. Dopo aver predicato a Soglio, Scartazzini ha lasciato la Bregaglia per stabilirsi a Fahrwangen, nel canton Argovia. Nel 1880 per incarico della «Neue Zürcher Zeitung» ha assistito, in veste di corrispondente, al processo di Stabio dove non si limita al mero resoconto, ma partecipa con veemenza all’interpretazione dei «fatti» con critiche e attacchi al partito conservatore che lo vedeva opporsi a quello liberale. La mostra è curata dallo storico Andrea Tognina. Per l’occasione la collana ricerche della Pgi pubblica la tesi di dottorato del ricercatore Michele Sensini sulla figura di Giovanni Andrea Scartazzini e la sua opera.
 
La sala Giacometti-Varlin, annessa al museo, ospita invece un gesso della testa di Alberto Giacometti, realizzato a Parigi nel 1927 da Otto Charles Bänninger e la complementare tela «Natura morta con la testa di Alberto» realizzata da Giovanni Giacometti nel 1929, anch’essa in prestito temporaneo: un singolare confronto tra scultura e dipinto quindi. Sarà questo il punto di partenza della mostra curata da David Wille che condurrà poi il visitatore attraverso una serie di argille e ritratti realizzati da Piero Del Bondio di Borgonovo per terminare in uno spazio dedicato ai giovani dando loro l’opportunità di esporre dipinti legati alla valle.
 
Palazzo Castelmur, Coltura
L’artista Miriam Cahn di Stampa, da sabato 5 giugno, espone al Palazzo Castelmur – FREMD das fremde STRANIERITÀ – seguiranno una serie di incontri serali, a mo’ di tavola rotonda, che affronteranno diversi temi interessanti assieme all’artista.
 
Il Casello Rosso
All’uscita del villaggio, nel paese di confine di Castasegna, non lontano dell’insediamento Brentan, sul finire degli anni Cinquanta Bruno Giacometti (1907–2012) realizzò, per incarico della Confederazione, una stazione doganale sotto forma di edificio solitario indipendente.
Il «box» poligonale di colore rosso si erge a mo’ di segnalazione sul bordo stradale in declivio e sporge con grande effetto oltre il margine del pendio. L’edificio funge da primo esempio di costruzione prefabbricata in Bregaglia. (Ludmila Seifert, Chur; da: https://52bestebauten.ch/26-fermata-dogana-castasegna/)
 
L´associazione ´Sala viaggiatori´ presenta l´omonima sede espositiva di Castasegna e il programma della mostra. Il punto di partenza per lo spazio espositivo è costituito dallo spazio del già esistente edificio-padiglione della Sala Viaggiatori (ex stabile dogana). Il locale mantiene senza alcuna restrizione la propria funzione di sala d’aspetto della fermata
dell’autopostale. Per lo spazio espositivo resta inalterata anche la dicitura Sala viaggiatori. L’area espositiva sarà indipendente e speciale già solo per il suo impiego quale sala d’aspetto e per l’impronta del suo volume profilandosi quindi come (il più) piccolo spazio espositivo. Esso verrà animato con mostre tematiche dedicate alle arti visive e alla cultura della vita quotidiana con un approccio interdisciplinare e trasversale.
 
Le esposizioni vogliono anche collegarsi a ricordi e visioni personali – alla storia, e non proporsi unicamente come occasioni aride e polverose. Una solida elaborazione e presentazione dei temi evita che le mostre dedicate alla cultura quotidiana scadano a semplice intrattenimento. Viene inoltre proposta un’introduzione a ciascuna mostra. La teca espositiva già esistente presenta pubblicazioni correlate al tema dell’esposizione. Queste pubblicazioni e altri libri selezionati invitano a soffermarsi sul tema.

"Occhi che non dormono" nel giardino incantato di Stampa
Il Centro Giacometti di Stampa è il luogo dell’opera dei Giacometti che ispira nuovi segni e diverse forme interpretative della contemporaneità. Qui, nel giardino, l’artista portoghese Rui Chafes ha ideato e realizzato una scultura emblematica e penetrante nei ripidi pendii
bregagliotti. Dell’opera, la curatrice Virginia Marano scrive: La scultura “Occhi che non dormono”, dell’artista portoghese Rui Chafes, trova il suo spazio ideale nel giardino dell’ex albergo Piz Duan. Lo sguardo aspira all’infinito oltre il fiume Maira e i pendii della montagna. Gli occhi percepiscono, vedono e ridisegnano i rapporti con il paesaggio e l’invisibile. Così, l’osservatore si trova immerso in un’esperienza estetica di arte contemporanea, e ne riconosce il profilo tagliente che si sprigiona dalla gabbia “Le Nez” di Giacometti per iniziare un viaggio esistenziale alla ricerca dell’Assoluto.
 
Chafes visita Stampa in occasione di un viaggio alla scoperta delle radici storiche e culturali di Alberto Giacometti. Riflette, immagina e annota linee e profili fino a trasformarli, nel suo atelier di Lisbona rivolto verso l’oceano, in un disegno metallico, finissimo e nero. Poi, appesa ad un gancio, la scultura vola maestosa tra gli alberi del Piz Duan alla ricerca della sua dimora: il giardino incantato che guarda sul fiume Maira. Ora è un ambiente nuovo e da riscoprire in un’ottica d’arte contemporanea e di cultura internazionale. L´inaugurazione dell’opera è prevista per il mese di giugno 2021.


Contatti utili

Per informazioni:
www.ciaesagranda.ch
info@ciaesagranda.ch
T: +41 81 822 17 16
 
www.palazzo-castelmur.ch
info@palazzo-castelmur.ch
T: +41 81 822 15 54

www.ruichafes.net 
www.centrogiacometti.ch

 
 




In primo piano: proposte, eventi e curiosità

Webcam live

Clicca per ingrandire




© 2021 Consorzio per la promozione turistica della Valchiavenna
www.valchiavenna.com - www.madesimo.com - www.campodolcino.eu
Valchiavenna Turismo Facebook
P.Iva e C.F. 00738460146 - Reg. Impr. SO 7923/1998 R.E.A. 56245


Informazioni ex art. 1, comma 125, della legge 4 agosto 2017 n. 124
Relativamente agli aiuti di Stato e aiuti de Minimis, si rimanda a quanto contenuto nel
“Registro nazionale degli aiuti di Stato” di cui all’articolo 52 L. 234/2012 (www.rna.gov.it).

ALLOGGI

Offerte speciali
Hotels
Bed and Breakfast
Agriturismi
Residence
Ostelli
Campeggi
Rifugi
Appartamenti

COSA FARE

Itinerari
Cultura
Sport e attività
Da non perdere
Eventi
Curiosità
Benessere
Shopping
La Valchiavenna in inverno

GASTRONOMIA E TRADIZIONI

Ristorazione
Tradizioni e artigianato
Prodotti tipici
Vini e cantine

INFORMAZIONI

Muoversi
Download prospetti
Valchiavenna Vacanze
Associati
Iscrizione alla newsletter
Privacy



Meteo

Webcam

Fotografie

Wallpaper

Video



--->